Abbiamo le briglie.Lo si avverte quando vogliamo aumentare il passo,correre,scavalcare il recinto.Le briglie ricordano i nostri limiti,mentre il fantino,di cui non riusciamo a vedere il volto,tenta di addomesticarci con maestria.                                                                                                                                              La libertà,nel senso più bello del termine,rappresenta qualcosa di autentico;quanti popoli hanno lottato per ottenerla e quante persone hanno perso la vita per difenderla a tutti i costi.Adesso per la mia generazione è diventata scontata come un granello di sabbia nel deserto e ci sfugge come acqua dalle mani adesso raccolte a conca per cercare di berne il più possibile.                                          Mi accorgo che in questo strariparsi di stimoli ed informazioni sempre più fitte e volutamente confusionarie in un regime semi dittatoriale,manca l’aria.                       Non tutti siamo fatti allo stesso modo,non tutti siamo gente da divano imposto,non tutti siamo in grado di condividere con in nostri cari,tutto il nostro prezioso tempo,è straordinariamente difficile,con tutto l’amore del mondo;sembra quasi un paradosso,diciamo che non abbiamo mai tempo per nulla e poi quando ci si presenta l’occasione tra le mani,la buttiamo,quasi la disprezziamo.Il fatto è che ognuno di noi ha bisogno del suo spazio vitale,di momenti di solitudine,dei suoi fottuti metri cubi d’aria,per riflettere,per provare a non pensare,per cercare di vedere uno spiraglio in questa situazione surreale.Non tutti siamo pesci rossi da tenere in bella mostra in un acquario,in attesa che qualcuno ci rimpinzi per bene con del mangime.Raccolti tra quattro mura,che siano d’oro o di lamiera,non si accetta volentieri una condizione di semi-libertà vigilata. Lo so,l’uomo per sua natura fa fatica ad accontentarsi,è un mare inquieto pieno di contraddizioni continue,è un animale che non si da pace mai,perché la pace non si posa su chi è costantemente alla ricerca di qualcosa fuori e dentro sé stesso.                     Chiedono sacrifici in nome della collettività.Quale dico io?Quella che stiamo lentamente distruggendo in nome di un individualismo sfrenato o quella  della <<mors tua vita mea>>? Sono le solite mani,le solite braccia che sostengono le sorti di un mondo malconcio e continueranno a farlo in silenzio.Sono i tanti potenti truccati di etica,seduti intorno ad un tavolo,a decidere le sorti di miliardi di persone,dove chi ha più “fiches” conduce il gioco.Ciò nonostante,urge attuare una rivoluzione dentro di noi,per vedere ciò che ci circonda,fiorire in maniera diversa,non camminare a testa bassa con gli occhi puntati sui nostri maledetti e onnipresenti smartphone,accettando passivamente ogni decisione presa dall’alto. I generali protetti nelle retrovie,che mandano a morire i propri soldati di cui non conoscono né vite né nomi,saranno gli stessi che riceveranno gli encomi alla fine della guerra. Perchè la storia si ripete ed è sempre la stessa e sono i soldati quelli che muoiono sempre.                                                                                                                           Quello che stiamo vivendo oggi ci insegna che non è mai tardi per cambiare,perché se non lo facciamo noi la vita stessa,piena di colpi di scena,ci cambierà,nel bene e nel male.     

                                                                                                                   

 

                                                                                                                         Riccardo Di Salvo

Comments

comments